India 2014

Nell’agosto del 2014 Lunethica ha collaborato con alcune associazioni ed aziende indiane: è stato il primo progetto internazionale, nato con l’obiettivo di comprendere alcune delle problematiche delle donne che vivono in contesti più disagiati (soprattutto rurali) e cercare di individuare alcune soluzioni possibili.

Ecco le tappe più significative del nostro viaggio:

A Chennai, capitale del Tamil Nadu, abbiamo incontrato la presidentessa di Women’s Collective, una ONG che si occupa tra le altre cose di aiutare le donne ad uscire dalla povertà attraverso programmi mirati di microcredito. Mrs. Francis Sheelu ci ha spiegato che il governo del Tamil Nadu sta varando un piano di sviluppo per fornire gratuitamente alle ragazze alcuni kit di assorbenti lavabili: si spera in questo modo di sopperire alla difficoltà di accesso ai dispositivi igienici (una ragazza su cinque non riesce ancora a procurarseli perché vive in zone rurali scarsamente fornite o perché il prezzo è eccessivo).

Lunethica_Chennai

Una donna indiana nella stazione ferroviaria di Chennai, foto E. Minchiante

A Kancheepuram, ospiti dell’associazione Ride India, ci siamo interrogate su come le donne vivono il momento del ciclo, dal menarca – in cui spesso, ancora oggi capita che la ragazzina sia obbligata a non uscire per diversi giorni perché considerata “impura”- fino alla gestione della vita quotidiana.

Un tempio dedicato alla fertilità femminile, Kancheepuram, foto di E. Minchiante

Ad Auroville- Pondycherry, insieme alle ragazze di Ecofemme, abbiamo tenuto dei laboratori sul ciclo e la fertilità femminile, condividendo storie sui tabù e le leggende intorno alle mestruazioni con le giovani delle scuole della città. Abbiamo distribuito kit di lavabili e ascoltato le loro domande, così simili per molti aspetti a quelle che ci rivolgono le ragazze che incontriamo in Italia.

IMG_0393

Laboratorio all’interno di una scuola indiana, ad Auroville, foto di E. Minchiante

Tra i banchi di scuola del Liceo Stella Maris di Madurai abbiamo continuato le nostre interviste, scoprendo molto più entusiasmo per la coppetta e i lavabili di quanto ci aspettassimo: abbiamo parlato con il sindacato degli sturatori di fogne, che muoiono ogni anno per colpa delle esalazioni, dei pericoli e delle malattie che il reticolo fognario indiano purtroppo veicola. Ci hanno spiegato dell’importanza di introdurre sistemi alternativi per il ciclo, perché il 90% degli ostacoli che rimuovono ogni giorno è costituito proprio da pannolini e assorbenti, non smaltibili nell’ambiente e altamente inquinanti.

Lunethica_Madurai

Con le ragazze del Liceo Stella Maris, Madurai, foto di E. Minchiante

Tra le piantagioni da the del Munnar, infine, abbiamo concluso il nostro viaggio parlando con le donne che lavorano nei campi, confermando ancora una volta l’importanza di accedere a dispositivi igienici per poter affrontare con serenità le giornate di lavoro, senza la paura o la vergogna di sguardi indiscreti.

Lunethica_munnar

Raccoglitrici di foglie di the, Munnar, foto di E. Minchiante

E’ stato un viaggio intenso, spesso emozionante, carico di quel bisogno di confidenze e intimità che solo tra donne è possibile. Abbiamo affrontato argomenti scomodi, difficili, spesso tabù, con la speranza di poterli trasmettere alle donne che incontreremo anche in Italia. La prossima tappa, il Nepal, continuerà a svolgere questo filo rosso che abbiamo deciso di intrecciare: speriamo di avervi con noi in questo nuovo progetto!

Scegli tu in che modo aiutarci a realizzare i nostri progetti!