Blog

Oggi vi presentiamo Margherita, una nostra giovane volontaria che ha testato personalmente la nuova coppetta Sckooncup e che ha scritto un’ottima recensione per il nostro blog!

Qui sotto potrete trovare tutti i dettagli e le foto di questa super nuova coppetta!

Read More

Il pesto di fave è una ricetta tipica della Liguria dalle origini antiche e molto umili.

Il marò è ottimo per condire la pasta, in alternativa al pesto classico, servito come salsa per accompagnare secondi piatti, o ancora per insaporire pane e bruschette.

Inoltre siamo ancora (per poco) in periodo di fave, quindi approfittiamone per consumare questa verdura di stagione dalle molteplici proprietà:

  • Sono ricche di ferro,  vitamina B1 e vitamina A, che rende luminosa la pelle.
  • Il loro alto contenuto di fibre aiuta a stabilizzare i livelli di colesterolo nel sangue, prevenendo il diabete.
  • Sono un’importante fonte di acido folico.
  • Contengono molte proteine vegetali.
  • Sono ricche di manganese, un minerale che aiuta a prevenire artrite e osteoporosi.

Ricordiamo che purtroppo, non possono essere assunte da chi soffre di favismo 🙁

Ingredienti:

  • fave fresche pulite
  • pecorino romano
  • olio d’oliva
  • 1 spicchio d’aglio
  • pinoli o mandorle
  • sale
  • 5-6 foglioline di menta

Procedimento:

  • Pulite, lavate, sbollentate e sgusciate le fave.
  • Mettete le fave in un recipiente e aggiungete l’olio d’oliva, i pinoli, le foglioline di menta, l’aglio e il pecorino.
  • Frullate tutto in maniera tale da ottenere una crema liscia.
  • Per non fare surriscaldare le fave, frullate a scatti.
  • Assaggiate e aggiustate di sale.

Immagine

Noi abbiamo provato una rivisitazione più cremosa della ricetta, sostituendo il pecorino con dello stracchino fresco (ma può anche essere ricotta) e il risultato è stato da leccarsi i baffi!

Per gustare al meglio il pesto di fave, fatelo riposare un paio d’ore in frigorifero.

Se non lo utilizzate subito potete coprirlo con pellicola trasparente oppure con l’olio extravergine d’oliva e conservarlo in frigo per un paio di giorni, oppure può essere congelato in freezer.

Che buone le fragole! E maggio è la stagione giusta per farne delle scorpacciate, ma oltre ad arricchire deliziose torte e macedonie…le fragole possono anche essere utilizzate per una golosa maschera di bellezza anti età!

Le fragole, infatti, vantano numerose qualità ottime per la nostra pelle:

  • hanno proprietà antinfiammatorie che possono aiutarci a ridurre visibilmente le occhiaie e le fastidiose borse sotto gli occhi.

  • Gli acidi della frutta naturalmente contenuti nelle fragole sono utili per l’esfoliazione della pelle, quindi per eliminare le cellule morte.

  • Il succo di fragola è ricco di antiossidanti, che aiutano a rinnovare le cellule della pelle e a donare uno splendore naturale davvero unico.

  • L’acido salicilico delle fragole è ottimo per eliminare le macchie della pelle.

  • Gli antociani, i pigmenti responsabili del caratteristico colore rosso delle fragole, aiutano a proteggere la pelle dai danni dei raggi UV.

  • Oltre ad idratare la pelle, le fragole aiutano a tonificarla e a prevenire la comparsa precoce delle rughe.

    fragpole

Preparare una maschera con le fragole è facilissimo, e si possono usare quelle che iniziano ad essere troppo mature per essere mangiate.

1 – Con un pestello o una forchetta, schiacciare le fragole fino ad ottenere una composta.

2 – Aggiungere un elemento legante, si può utilizzare il miele, lo yogurt, la panna acida o l’olio, a seconda del proprio tipo di pelle.

3 – Riporre per 20 minuti in frigo il composto, per farlo addensare un poco.

4 – Distribuire un generoso strato del composto sulla pelle perfettamente pulita, lasciare in posa per 10-20 minuti, quindi risciacquare con acqua tiepida.

pestello

Noterete subito lo splendore della pelle e il delizioso profumo che sprigionerà!

Una ricetta sfiziosa e veloce per le cene dell’ultimo momento. A scelta si può preparare l’alternativa vegana sostituendo il latte vaccino con il latte di soia o avena!
Crespelle da mangiare come accompagnamento ad altri piatti: verdure, hummus, baba ganoush, formaggi.
 
Ingredienti:
  • 100 gr farina di ceci
  • 100 ml di latte vaccino / latte di soia o avena (per vesione vegana)
  • 35 ml di acqua
  • 1 cucchiaio olio di semi
  • 1 un cucchiaio di semi misti (zucca, papavero,lino)

Procedimento:

Amalgamare la farina di ceci con il latte e l’olio fino ad ottenere un composto omogeneo. Aggiungere sale e semi e mescolare.
 
Scaldare una padella antiaderente sul fuoco (se necessario con un filo d’olio).
Versare due cucchiai del composto e stenderlo (in base allo spessore desiderato aggiungere o diminuire la quantità per crespella).
Cuocere sui due lati.
Ricetta_crepes di farina di ceci
Le crespelle sono così pronte!

Il caffè…forse lo beviamo tutti i giorni, ma ne conosciamo le proprietà cosmetiche?

Le sostanze presenti nel caffè sono in grado di stimolare il flusso sanguigno, eliminare il liquido presente nelle cellule e ridurre il grasso corporeo, per questo la caffeina si trova in molti cosmetici anticellulite. Le sue proprietà idratanti, rassodanti e anti-ossidanti la rendono anche un ottimo componente delle creme antirughe.

Oggi vi consigliamo la ricetta di una maschera-scrub “fai da te”.

Read More

In molti considerano gli oli essenziali come un’alternativa nuova ed efficace per il benessere fisico e mentale. In questo articolo cercheremo di spiegare che cosa sono gli oli ossenziali, dove trovarli e come utilizzarli. Cercheremo anche di fornire un esempio di “kit di base” con i principali oli essenziali che dovrebbero essere sempre tenuti a portata di mano per il benessere nostro e della nostra famiglia 🙂

Read More

Il Mal d’Africa arriva quando meno te l’aspetti, pensi che non ti riguardi, che sia una di quelle storie da viaggiatori esperti o presunti tali, che si raccontano per darsi un “tono” ; arriva senza chiedere il permesso, fregandosene altamente del fatto che “ci sono già stata in Africa, non mi è venuto nessun mal d’Africa, solo la diarrea”.

Cos’è allora ‘sto accidenti di “Mal D’Africa”..? E’ una nostalgia, mi sento di poter dire, ancestrale, di un luogo e di un tempo nel quale tutti siamo stati, all’origine dell’umanità,  quando nel vissuto inconscio dei primi esseri umani erano già scritte le storie degli uomini e delle donne che nei millenni si sono succeduti. Siamo tutti inesorabilmente “africani”, nasciamo laggiù come specie e come individui, nelle infinite variazioni genetiche e ambientali.

Read More

Scegli tu in che modo aiutarci a realizzare i nostri progetti!